Utilizziamo i cookies per personalizzare la sua navigazione e migliorare il nostro website. Per avere ulteriori informazioni su cosa sono i cookies, come vengono da noi utilizzati e come negare il suo consenso all'utilizzo di tutti o alcuni di essi, consulti la nostra Nota sui Cookies.
Se accede ad un qualunque elemento sottostante a questo banner acconsente all’uso dei cookies.




Sci-Tech Challenge:

Il Liceo Scientifico "Alessandro Antonelli" di Novara vince la Sfida Nazionale

Sci-Tech Challenge è l’iniziativa didattica europea ideata da Junior Achievement e dal gruppo ExxonMobil
per interessare i giovani ai temi della scienza e della tecnologia

  • Studenti di alcuni Licei Scientifici delle province di Milano, Novara, Roma, Savona e Siracusa si sono sfidati nell’elaborare un progetto sull'ottimizzazione delle risorse idriche ed energetiche in un impianto produttivo
  • I ragazzi si sono avvalsi anche della collaborazione di ingegneri e professionisti della Esso Italiana e della SARPOM per orientarsi nello sviluppo del proprio business plan
  • A conquistare il gradino più alto del podio dell’edizione 2016 della National Sci-Tech Challenge è stato un team del liceo scientifico “Alessandro Antonelli” di Novara

Roma, 17 febbraio 2016 – Si è conclusa oggi a Roma la NationalSci-Tech Challenge (abbreviazione di Science and Technology Challenge), la sfida nazionale del programma europeo – promosso in Italia da Junior Achievement in collaborazione con la Esso Italiana – e giunto quest’anno alla sua quinta edizione nel nostro Paese.L’iniziativa ha visto giovani studenti provenienti da diverse Regioni d’Italia impegnati a sviluppare un progetto in campo energetico e a presentarlo ad una giuria di esperti chiamata a valutarne l’innovazione, la fattibilità, la sostenibilità e la qualità della presentazione.

Obiettivo del programma Sci-Tech Challenge è quello di aiutare i giovani a comprendere l’importanza dell’energia nella vita quotidiana e avvicinarli al mondo della scienza e della tecnologia per stimolarli a valutare la prosecuzione degli studi in tale ambito. Una solida preparazione tecnico-scientifica sarà infatti fondamentale per poter contribuire, in futuro, alla soluzione delle importanti sfide energetiche. La formula è quella del learning by doing, ovvero lo sviluppo di una serie di attività per favorire il lavoro di team e aiutare gli studenti a mettere alla prova le proprie conoscenze e lo spirito di innovazione in campo scientifico e tecnologico.

Gianni Murano, Presidente della Esso Italiana, ha introdotto la sfida di quest’anno incentrata sull'ottimizzazione delle risorse idriche ed energetiche in un impianto produttivo. 

I protagonisti della “maratona” della National Sci-Tech Challenge sono stati 55 ragazzi, suddivisi in 11 team, selezionati dai 9 Licei Scientifici che hanno partecipato all’edizione 2015-2016 del programma, che ha coinvolto più di 800 ragazzi:

  • Liceo Scientifico “Alessandro Antonelli” di Novara
  • Liceo Scientifico “Donato Bramante” di Magenta (MI)
  • Liceo Scientifico “Giordano Bruno” di Albenga (SV)
  • Liceo Scientifico "Stanislao Cannizzaro" di Roma
  • Liceo Scientifico “Orso Mario Corbino” di Siracusa
  • Liceo Scientifico “Orazio Grassi” di Savona
  • Liceo Scientifico “Mègara” di Augusta (SR)
  • Liceo Scientifico “Biagio Pascal” di Romentino (NO)
  • Liceo Scientifico “Evangelista Torricelli” di Roma

A vincere la sfida di quest’anno sono stati gli studenti Alessandro Mercurio, Daniele Mori, Gabriele Nasta, Marco Petazzi ed Enrico Sorrenti del Liceo Scientifico “Alessandro Antonelli” di Novara. La giuria ha apprezzato il loro progetto per la completezza dell’analisi della proposta e per l’attenzione posta sui biocarburanti di futura generazione, vera sfida energetica del domani.

Premiati anche il team del Liceo Scientifico "Biagio Pascal" di Romentino e del Liceo Scientifico “Giordano Bruno” di Albenga rispettivamente al secondo e al terzo posto.

A valutare i progetti ideati e sviluppati dagli studenti è stata una giuria di esperti composta da Eliana Baruffi– Presidente di Junior Achievement Italia e Head of Corporate Communications di ABB per l’Italia e l’area del Mediterraneo, Alberto Biancardi – Componente del Collegio dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, Laura Cardinali – Direttore area “Energy for Professionals” di SAFE - Sostenibilità Ambientale Fonti Energetiche, Gianni Murano – Presidente della Esso Italiana, Gennaro Olivieri – Professore di Matematica Finanziaria, e Azzurra Pacces – redattore di Staffetta Quotidiana, organo di informazione specializzato nel campo energetico.

Gli studenti vincitori della National Sci-Tech Challenge rappresenteranno l’Italia alla European Sci-Tech Challenge, la finale europea online, in cui la sfida si allargherà ai ragazzi provenienti dagli altri paesi che partecipano al programma: Belgio, Francia, Kazakhstan, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Romania, Regno Unito e Russia. I team che si piazzeranno ai primi tre posti parteciperanno poi al “Gran Finale”, in programma a Bruxelles in maggio, nel corso del quale verrà eletto il team vincitore dell’edizione 2016 di Sci-Tech Challenge.

“Il programma didattico Sci-Tech Challenge, giunto quest’anno alla sua quinta edizione, rappresenta per la Esso Italiana una finestra sul mondo dei giovani e un importante momento di incontro con quello della Scuola.” ha affermato Gianni Murano, Presidente della Esso Italiana. “Siamo di fronte a ragazzi dell’era digitale che utilizzano ormai la tecnologia sin da piccoli e che spesso ne sono affascinati. È da questi giovani e dalla valorizzazione del loro potenziale che nasceranno le soluzioni alle sfide energetiche future. Essi rappresentano un grande tesoro che va coltivato e valorizzato. L’augurio è che programmi come Sci-Tech Challenge possano renderli più consapevoli dell’importanza di una solida formazione per poter esaltare le proprie capacità e i propri talenti”.

“È ormai evidente che oggi, e ancora di più in futuro, la maggior parte dei posti di lavoro richiederà una solida conoscenza di base di matematica e scienza” spiega Eliana Baruffi, Presidente di Junior Achievement Italia. “Iniziative come questa permettono ai nostri studenti di venire a contatto con il mondo dell’impresa con le sue sfide di mercato e, al tempo stesso con la crucialità di tematiche legate alla STEM literacy. Le nuove generazioni di innovatori dovranno coniugare pensiero critico e alfabetizzazione scientifica per realizzare innovazioni che portino nuovi prodotti e processi a sostegno della nostra economia”.

Per maggiori informazioni sul programma http://scitech.jaeurope.org/