Utilizziamo i cookies per personalizzare la sua navigazione e migliorare il nostro website. Per avere ulteriori informazioni su cosa sono i cookies, come vengono da noi utilizzati e come negare il suo consenso all'utilizzo di tutti o alcuni di essi, consulti la nostra Nota sui Cookies.
Se accede ad un qualunque elemento sottostante a questo banner acconsente all’uso dei cookies.




La Raffineria Esso di Augusta dona un mezzo all'AIL di Siracusa

raffdonamezzo

 

Augusta, 18 gennaio 2016 – Da sempre sensibile alle istanze sociali del territorio in cui opera, la Raffineria di Augusta della Esso Italiana ha donato all’AIL – Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma – un mezzo per il trasporto dei pazienti onco-ematologici che necessitano di terapie al di fuori del territorio siracusano e comuni limitrofi.
Alla consegna ufficiale erano presenti il responsabile Relazioni Esterne della Raffineria Salvo Bella e Nuccio Ventura per la Esso Italiana, Claudio Tardonato presidente della Sezione Siracusa per l’AIL, a cui il mezzo è stato donato, e tanti volontari dell’associazione. L’automezzo è un SUV 7 posti, full optional, dotato di tutti i comfort necessari per ridurre al minimo i disagi dei pazienti trasportati.
L’AIL è presente a Siracusa da circa sette anni e offre assistenza a pazienti con patologie ematologiche attraverso indicazioni sui centri specialistici per le cure e sostegno materiale e psicologico. Il servizio di assistenza prevede il trasferimento di circa 70 pazienti, tre giorni la settimana, per le cure in centri specializzati a Catania, Messina, Palermo e anche fuori dalla Regione Sicilia. 
La raffineria Esso di Augusta, che nel 2015 ha festeggiato i 65 anni di attività, si è sempre impegnata per contribuire a rispondere alle istanze sociali del territorio.” ha dichiarato Salvo Bella, Responsabile Relazioni Esterne della Raffineria Esso di Augusta. "Questa donazione ne è un ulteriore esempio e siamo lieti che il nostro contributo possa aiutare l’AIL e i suoi volontari nell’assistere i tanti pazienti non dotati di un proprio veicolo”.